Prossimi eventi


locale

Hop Store è un locale ideato da amanti della birra per gli amanti della birra. In un’ atmosfera calda e accogliente, a metà tra pub inglese e birreria tedesca, tutto è studiato per fare apprezzare appieno la vostra bevanda preferita.
Ecco una panoramica del locale, da un’intervista di Giuliana Valcavi apparsa su “Il mondo della birra” di novembre 2000:

E’ un interesse nato pian piano, poi esploso in una vera e propria passione, quello di Marco Ciardi per la birra. 42 anni, di cui più di dieci dedicati alla bevanda di Gambrinus, Marco Ciardi gestiva col fratello Walter, fino alla fine degli anni Ottanta, un piano bar all’ interno di un albergo. Lì la birra rappresentava una richiesta modesta e, comunque, esclusivamente riservata al prodotto in bottiglia, ma è proprio allora che si insinua l’idea di conoscere e approfondire questo mondo. Una visita a una fiera specializzata di Rimini risulta decisiva: i fratelli Ciardi scoprono una nuova realtà, una realtà di locali studiati in ogni minimo dettaglio per fare apprezzare in un contesto appropriato il meglio dell’offerta birraria internazionale. 
locale_ingresso

“E’ così che nasce a Prato, nel ’92, il nostro primo locale completamente impostato sulla birra, un discorso innovativo per l’Italia – racconta con grande disponibilità e cortesia Marco Ciardi. – Allora siamo stati i primi in zona a formulare una proposta così specializzata. Il successo è stato immediato, tanto che avevamo clienti che venivano addirittura da Firenze”. Nel ’98 l’Hop Store cambia indirizzo e da via Negri si sposta in un moderno edificio in vetro e cemento in via Teracini, ma il ‘taglio’ non cambia, anzi.

“La nuova collocazione ci ha offerto l’opportunità di un ampliamento a livello di spazio e di un arricchimento a livello di servizio che non ci siamo lasciati sfuggire” continua Marco. L’estrema qualificazione birraria dell’Hop Store (che nel ’99 è stata nominata Accademia della Birra) si esprime soprattutto con un’ ampia gamma del prodotto alla spina (Bitburger, Tennent’s Super e Scotch, Bass, Caffrey’s Irish Ale e Stout, Herdinger Weizen e Dunkel), alla quale si affianca una buona proposta in bottiglia (Fischer, Corona Extra, Bud, Beck’s, Bière du Demon e Bonne Esperance tra le tante).
locale2

“La nostra proposta comprende otto birre alla spina fra le migliori a livello qualitativo in tutta Europa, una vasta ma qualificata gamma che i nostri clienti hanno mostrato di gradire notevolmente fin dall’inizio” spiega Marco Ciardi.

Ma anche l’ambiente è un sicuro momento di qualificazione dell’ Hop Store perché, come ci rivela il nostro intervistato, dopo un’attenta selezione, che ha portato i due fratelli a visitare locali nelle zone birrarie per eccellenza di tutta Europa (dalla Scozia alla Germania all’Inghilterra), si è puntato su un’ambientazione particolarmente adatta alla degustazione della birra. Ecco, quindi, che il locale di Prato (realizzato dalla De Carli di Pordenone su progetto dell’architetto Massimo Pieralli dello studio Estro di Calenzano, in provincia di Firenze) è il risultato di una meticolosa ricerca che ha fuso un tipico pub inglese con una birreria tedesca, da cui ha preso il grande bancone, lungo 38 metri che, disposto a rombo, rappresenta il cuore del locale, un vero punto di riferimento per i frequentatori.

“Rispetto al primo locale, molto intimo, accogliente e rustico, quello attuale è più ampio e raffinato. Inoltre, mentre prima offrivamo solo il servizio al tavolo, ora proponiamo anche il servizio al banco sia per la birra sia per la gastronomia” precisa Ciardi.

La proposta gastronomica dello chef Simone è molto varia e non trascura certo i piatti che meglio si abbinano alla birra come, per esempio, lo stinco di maiale con patate e crauti, i wurstel e gli hamburger. Affrontando un discorso completo di formazione e informazione birraria, l’Hop Store si propone alla propria clientela, composta non da giovanissimi ma da un pubblico che già ha una certa conoscenza del mondo birrario, con suggestive serate a tema organizzate anche in collaborazione con le aziende del settore, vere e proprie feste in grado di far conoscere e apprezzare le diverse birre.
locale3Ma la cultura birraria è un interesse costante dell’Hop Store e non un’iniziativa limitata solo a qualche occasione. Tanto è vero che i listini riportano dettagliatamente le caratteristiche delle birre in assortimento. “La nostra marcata attenzione alla birra si esprime anche attraverso un particolare di grande importanza: la temperatura di servizio. – ha spiegato Marco Ciardi – Abbiamo tre birre che devono essere servite a 5°, un paio a 10° e tutte le altre a 8°, quindi teniamo i fusti in una stanza a temperatura condizionata in cui vengono refrigerati in maniera differenziata per poterle servire in maniera ottimale, assolutamente personalizzata”. Tutto questo va ad aggiungersi al servizio e all’affabilità non solo dei fratelli Ciardi ma di tutto il personale, in grado di promuovere una vera affezione da parte della clientela: otto clienti su dieci sono frequentatori abituali, che all’Hop Store sanno di poter trovare tanta buona birra, spillata e servita a dovere.